Eunoè: un manifesto per la scienza

01 settembre, 2019 | 22 comments

Poco prima dell'estate inauguravo con alcuni amici Eunoè, un'associazione di promozione sociale per lo studio e la divulgazione del ruolo della scienza nelle società complesse. L'iniziativa è nata dall'idea di raccogliere e coordinare gli sforzi di tutti coloro che nella strumentalizzazione governativa della scienza hanno intuito non già un pericolo, ma il pericolo più grave che incombe sulla rappresentazione politica contemporanea.

Oggi non servono grandi sforzi ermeneutici per constatare che le politiche più controverse fondano tutte, in un modo o nell'altro, le proprie ragioni nella presunzione di «evidenze» scientifiche alla cui autorevolezza non ci si può opporre senza apparire retrogradi, nostalgici o superstiziosi. Dalle emergenze del «clima» alle «dure leggi» dell'economia, dal trasferimento in massa di esseri umani da un continente all'altro alla foga di digitalizzare, automatizzare e connettere ogni cosa, dalle nuove teorie pansessuali all'imposizione di protocolli pedagogici e sanitari, ciò che «dice la scienza» è diventato il nuovo «Deus vult», l'ultimo talismano per superare magicamente, in senso ferencziano, le fatiche e i compromessi di una democrazia sempre più mal tollerata dai suoi protagonisti.

Nel ripetersi che «la scienza non è democratica» si è normalizzata la reciproca invasione di campo tra i domini complementari di scientia e kράτος, mettendoli in concorrenza con la sottintesa pretesa di derogare ai processi democratici ogni qual volta siano chiamati a deliberare su temi di presunta competenza degli scienziati. Si è così aperta la strada a uno stato di eccezione in cui naufraga non solo la possibilità di un pensiero politico plurale, ma anche scientifico. Con il «Patto trasversale per la scienza» lanciato da un noto virologo marchigiano, si è successivamente chiarito che non si può pretendere di governare nel nome della scienza senza governare la scienza. Il documento introduceva infatti una distinzione tutta politica tra scienziati e «pseudoscienziati» per arrivare all'auspicio che il potere in carica «fermasse» i secondi, entrando così a gamba tesa nel processo di libero confronto tra esponenti della comunità scientifica e, quindi, soffocarlo.

***

L'associazione Eunoè si propone di reagire a questo pericoloso stato di cose. Il paradigma epistemologico a cui aderisce è quello della scienza post-normale di Funtowicz e Ravetz, che in presenza di decisioni caratterizzate da forte incertezza e ampio impatto sociale raccomanda di estendere la base delle conoscenze e dei giudizi non solo alla comunità scientifica strettamente competente, ma all'intera base dei soggetti coinvolti («extended peer community»).

La prima iniziativa lanciata dall'associazione è un Manifesto per la scienza in cui sono riassunti i suoi principi ispiratori. Il Manifesto è consultabile all'indirizzo manifesto.eunoe.org ed è aperto alla firma di politici, accademici e ricercatori (di ogni disciplina), medici e giornalisti. Chi, tra gli appartenenti a queste categorie, desiderasse firmare o ricevere maggiori informazioni può scrivere all'indirizzo manifesto@eunoe.org.

Il Manifesto sarà presentato al pubblico sabato 28 settembre a Bologna presso la sala Casa dell'Angelo, in via San Mamolo, 24, alle ore 18. L'ingresso è libero e senza prenotazione. Seguiranno altre presentazioni, in corso di organizzazione.




Leave a comment

Send

Lorenzo 09 settembre, 2019 09:05

Ormai la politica si è disabituata a prendere decisioni e quindi anche la responsabilità delle decisioni. Euro e Ue hanno giocato ovviamente una parte fondamentale. Però queste istituzioni sovranazionali hanno dato risposte molto inadeguate alla crisi, quindi oggi hanno perso credibilità e il popolo si è messo fastidiosamente a chiedere di nuovo le risposte ai suoi rappresentanti politici più diretti, cioè la politica nazionale, che però ha perso spessore nei decenni, a forza di inserire piloti automatici, e non si è ancora capito se è in gradi di darle queste risposte (io temo di no). La scienza forse è uno degli ultimi piloti automatici a cui aggrapparsi. Tra un po' ci diranno che l'economia di un continente è riproducibile in un laboratorio di Losanna così come in uno di Singapore, e nello stesso momento. :))

Sig Pedante, ci sarà anche Lei a Bologna il 28 settembre? Ringrazio e saluto.

Reply

Mario M 06 settembre, 2019 19:26

Esiste la comunità scientifica così come esiste la comunità dei pittori, musicisti ecc. Un conto è una comunità un altro è l'ordine, come quello degli ingegneri, degli avvocati, dei medici ecc, con regole e statuti. Però fa comodo equivocare sulla comunità scientifica: e così abbiamo personaggi farseschi, dal linguaggio sgangherato, come Roberto Burioni e Salvo Di Grazia, che possono parlare e straparlare sui media nazionali, a nome della comunità, perché funzionali a un certo potere e regime corrotto e malfattore; mentre altri medici e ricercatori (Roberto Gava, Dario Miedico, Gabriella Lesmo, Andrew Wakefield) non possono parlare e addirittura vengono prontamente radiati. Si blatera di scienza che ha detto, stabilito, certificato... cioè si ipostatizza un metodo senza tenere conto dell'operato delle singole persone soggette a pressioni esterne e convinzioni personali.

Quindi se sulle vaccinazioni decide la scienza, chi decide sulla scienza? la stessa scienza che solo poco tempo fa applicava l'elettroschock, l'ablazione, il DDT, e tante altre porcherie.

Occorre moralizzare l'ambiente scientifico, liberarlo dalle influenze delle industrie e delle carriere accademiche. Tenete presente che oggi, a dispetto della pubblicistica, c'è un regresso nelle scienze di elezione: quella medica e quella fisica. Infatti da parecchi decenni non si registrano avanzamenti nella cura "ufficiale" delle malattie degenerative quali cancro, sclerosi, Alzheimer, Parkinson; ci sono migliaia di tecnici e ricercatori che lavorano all'acceleratore del CERN, che ingannano prima di tutto se stessi. Infatti non si parla più di fusione nucleare controllata, che decenni fa doveva essere la nuova frontiera per l'energia; ma anche progetti più abbordabili, come l'eolico di alta quota con il KiteGen, che era stato presentato alla comunità europea nel 2003, non hanno avuto sviluppi significativi. E intanto ci vogliono friggere il cervello con il 5G.

La scienza è un metodo aperto a tutti; non è un tempio riservato a chierici e officianti.

Reply

Luca 06 settembre, 2019 13:04

Gentile Pedante,

a mio avviso è stata pretermessa dai potenziali sottoscrittori una categoria invece non secondaria, con il cui appoggio molti esponenti della corrente principale raggiungono, anche forzando le norme (convincendo l'interprete), vari obiettivi: gli avvocati.

Cordialmente.

Luca

Reply

Andrea 04 settembre, 2019 04:24

Grazie!

Reply

Gondor 03 settembre, 2019 15:37

Bell'iniziativa. Come mai ha escluso i docenti delle scuole? I manuali scolastici di scienze naturali sono intrisi di scientismo; tanti colleghi che insegnano mate e fisica come me sono riduzionisti fino al midollo. Credo che il dibattito debba essere portato anche nel sistema dell'istruzione preuniversitaria.

Con immutata stima

Reply

Ra 03 settembre, 2019 13:24

Grazie !

Reply

Verità 03 settembre, 2019 10:54

Ottima iniziativa!

Vediamo chi è coraggioso

Reply

Luca 03 settembre, 2019 07:16

Le premesse fanno abbastanza paura, ma andando in senso retrogrado alla storia fortunatamente non incideranno sulla stessa più di tanto.

E questo é solo il pregiudizio!

Con abusivismo intellettuale, leggerò il manifesto con pregiudizio e scetticismo e nel frattempo vi ringrazio.

Reply

Giovanni Mazzitelli 03 settembre, 2019 06:30

Tutte le iniziative pro scienza sono lodevoli, ma molte statische (vedi ad esempio observa in itlaia sui no vax) hanno dimostrato che la "conoscenza“ da parte della società dei problemi scientifici non risolve il rapporto scienza società. Al contrario i maggiori antagonisti sono non scienziati con un buon livello culturale. Ciò deriva dalla presunzione di conoscenza dell'uomo che cresce con la conoscenza stessa (vedi ad esempio "l'illusiome della conoscenza" di Soloman)....

Reply

Giubizza 03 settembre, 2019 05:22

Ne parlo anch'io nel mio blig: http://giubizza.blogspot.it

Reply

chinacat 02 settembre, 2019 23:32

Mr. pdeante, l'iniziativa è più che lodevole però mi sorge spontanea una domanda: agli "storici" è permesso entrare o ci lasciate fuori? :)

Chinacat

Reply

Il Pedante 03 settembre, 2019 01:32

Gentile amico, l'iniziativa è rivolta a tutti, ma abbiamo ritenuto di limitare le firme ai più diretti e significativi interessati (inclusi gli storici con ruoli accademici).

Reply

Jakov Petrovic Goljadkin 03 settembre, 2019 08:38

Gentile @Il Pedante,

a questo proposito: immagino che i ricercatori attivi in centri di ricerca (pubblici o privati), con pubblicazioni all'attivo e tuttavia senza affiliazione accademica, possano essere inclusi nella lista dei firmatari. O si è scelto espressamente di escluderli, come un'interpretazione letterale del testo lascerebbe intendere?

Grazie,

JPG

Reply

Il Pedante 03 settembre, 2019 11:41

Confermo la prima interpretazione: accademia o altri centri di ricerca. Correggo nel testo.

Reply

chinacat 03 settembre, 2019 21:28

Gentile @Il Pedante, appoggio in pieno la scelta. Quel che mi interessava capire era se la "Storia" facesse parte o meno della scienza. Se pensate che lo sia, come pare, posso solo dire: era ora. Dato che vivo in questa strampalata nazione dove la parola "scienza" è diventata un "sarchiapone" che può significare tutto o niente, è una buona idea quella di ripartire dalla base.

Chinacat

Reply

ALEXMC 02 settembre, 2019 22:38

Partigiani 3.0

Reply

Minerva McGranitt 02 settembre, 2019 21:58

Grazie! Ottima iniziativa

Reply

Nancy Drew 02 settembre, 2019 15:07

Grazie

Reply

Tuttocittà 02 settembre, 2019 14:15

Manca San prima di Mamolo.

Reply

ilpapabuono 02 settembre, 2019 11:16

In un mondo in cui la scienza futura fa da scusa per disinteressarsi dello scempio presente, controllare la scienza vuol dire calmierare le anime.

Beppe Grillo : "c’è da riprogettare il mondo. C’è da rivedere i paradigmi della crescita, capire cosa deve crescere e cosa no. C’è da rivedere i sistemi industriali, le materie prime, la mobilità…".

Quindi, inutile perdere tempo votando.

Reply

Nina 02 settembre, 2019 09:44

Non connette il link indicato al server.

Riproverò tra un po, ma intanto volevo segnalare...

Reply

DaniB 02 settembre, 2019 08:59

Il mio commento è GRAZIE.

Reply